Le tendenze moda della Primavera/Estate 2015

Ben trovati.
Eccoci arrivati anche quest’anno alla primavera.
Fa ancora molto freddo, ma i negozi hanno ormai tolto tutta la merce invernale in saldo, e propongono le nuove collezioni per la Primavera/Estate.

Per parlare delle nuove tendenze, intanto, partiamo subito con il dire che colore dell’anno è stato decretato da Pantone [come ormai tutti sapete] il marsala.
Sì, proprio il colore di quell’ottimo vino liquoroso ambrato.
Certo, non è stato possibile ricreare la stessa sfumatura, così il risultato è un bordeaux più scuro, ambrato, ma più morbido.

scura, ambrata ma anche più morbida del bordeaux
scura, ambrata ma anche più morbida del bordeaux

Diciamo che lo prendiamo per buono!
E dato che fa parte della gamma di colori che a me dona tanto, affermo pure che mi piace! eheheheh

Ma ora vediamo un po’ come ci vestiremo in questa nuova e imminente (speriamo) stagione.
Secondo la rivista Vogue, indosseremo tanto Denim. Passeremo indifferentemente dal jeans chiaro e usato, tipico dei ’70, a quello dal colore blue denim, declinato in una divisa ispirata alle tute degli operai, in un ritorno alle origini stesse del denim.
Denim ovunque, però, non solo per i pantaloni: gonne, salopette, giacche, camicie, trench, scarpe, borse.

Il protagonista assoluto sarà lo stile anni ’70.
Torneranno i caftani, gli jeans a zampa d’elefante, anche in versione salopette, giacche e accessori in suede dal morbido color miele, e frange lunghe, anzi lunghissime. E non potranno certo mancare le bandoliere in suede o cuoio, con o senza frange, e foulard annodati al collo.

Oltre il denim, l‘altro tessuto-non tessuto che ci accompagnerà in questa stagione è la pelle.
Nella versione morbida del camoscio (ancora ’70), o lucida, quasi vinilica. Con una declinazione di colori che va dal miele nella prima texture, all’arancio, al rosso, al rosa confetto, fino al grigio perla nella seconda.
E ovviamente pelle nera.

Un indumento non è passato inosservato sulle passarelle: è lo chemisier, l’abito-camicia tutto abbottonato davanti, ispirato alle castigate camicie da notte delle nonne.
Mentre il crop top continua con la sua presenza, ma da abbinare obbligatoriamente a gonne e pantaloni a vita alta

Ci saranno tanti fiori e tanti pois.
Troviamo bouquet di fiori colorati, realistici, neon, pop, e girlie.
Mentre i pois (che adesso sono nominati polka dots) spesso sono riproposti nella triade bianco-blu-rosso, che fa tanto primavera. O nel sempiterno black’n’whithe.

I colori predominanti saranno:

  • il già citato marsala
  • l‘acquamarina,
  • l’azzurro del mare profondo (scuba blue),
  • il grigio del ghiaccio,
  • il colore del gelato alla fragola,
  • mandarino
  • mandorla tostata,
  • il blu classico,
  • il verde pastello, chiamato dal Pantone “Lucite Green”,
  • il giallo della crema pasticcera (custard)
  • ovviamente, il bianco.

Ai piedi avremo i sandali platform, dichiarati calzature ideali per l’estate in città, da contrabbattere ai sandali gladiatore.

C’è il grande ritorno degli zoccoli, che Miuccia Prada ha eletto come calzatura della stagione.
I mocassini: classici, di pelle nera o morbide in bianco e blu, con le nappine, per uno stile mannish. Oppure color rosa cipria, o con cristalli.

E le espadrillas, ormai nobilitate dagli stilisti, per cui, oltre che nel modello classico, le troveremo aperte a sandalo, o a peep-toe. Con i lacci alla schiava, oppure piane ma con la suola raddoppiata.

Ma prima di arrivare alle calzature aperte, non possono mancare gli stivali, con stampa pitone o a fiori, e decorati da frange.

Come borse, invece, salutiamo il ritorno dei secchielli, o come si chiamano adesso, buket.
E insieme alle maxi bag, troviamo le mini borse, a mano o a tracolla, ma davvero mini! In pelle colorata o in pitone.

…E comunque, per chiudere, quello che si nota, guardando le sfilate, i siti e/o le riviste di moda, e le foto delle fashion blogger, è il ritorno strisciante degli anni ’90 (!!!!!)
Ve li ricordate?

I pantaloni larghi, ma corti alla caviglia, o addirittura poco poco più su.

I maglioni larghi, lunghi e dritti, ma con un inspiegabile elastico al fondo.

Il cappotto oversize, ancora legato agli anni ’80 per l’ampiezza delle spalline, e che scendeva dritto e largo fino alla caviglia.
E -ovvove!!!!!!!- la t-shirt bianca sotto il vestito, corto o lungo, con le bretelline.

Sono anni ’90 il ritorno della borsa a secchiello, le scarpe stringate con la para di gomma sotto, o addirittura il carrarmato, e i sandali platform, che fanno tanto Kelly di Beverly Hills 90210 o Jennifer Aniston in Friends.

Dice qualcosa?

Share:

2 comments

  1. Tutta roba già vissuta (o quasi) in prima persona ai tempi ma i jeans a zampa di elefante nooooo!
    Vinzi, quelli non ce la poZZo fare, ho paura che mia figlia voglia comperarli di nuovo 🙁
    Baci. Claudia

  2. ahahahahhah! Claudia!
    Ormai sono davvero tornati di moda, ma è già da un paio di anni che sbirciano dalle passerelle.
    Penso che a chi stanno bene, fanno un gran favore (come a me!! ^-^)
    Invece io aborro proprio il ritorno al non-stile degli anni '90. No, davvero, quelli non li reggo! 🙂

Lascia un commento