Lo stile è un’attitudine

 

 

Voglio  di nuovo parlare di stile personale. E dedicare quindi un altro post per capire cosa si intende quando parliamo di “crearlo” o meglio ancora definirlo. Abbiamo già parlato dei passi da fare in questo post. Adesso vediamo cosa significa avere stile. O almeno come lo intendo io.

Ci sono persone che, indubbiamente, hanno stile.

Si può imparare ad essere vestiti bene, ma non necessariamente si impara ad essere, per così dire, eleganti, perché sono oltremodo convinta che l’eleganza è innata. E eleganza, secondo me, è il modo armonioso in cui risulta il tuo outfit, ogni giorno, indipendentemente dal look e dal dress code che stai seguendo. Eleganza è il modo in cui gli altri guardano a te, e pensano che solo tu potresti indossare alcuni accessori o capi di abbigliamento con tale classe o nonchalance.
Penso, inoltre, che eleganza non significa necessariamente bellezza. Non è legata all’altezza, o al peso. E nemmeno penso che significhi ricchezza, e il potersi permettere di acquistare capi firmati e super costosi.

Penso che tutte le donne aspirino ad essere eleganti, ma, molto spesso, la maggior parte di loro senza capire il vero senso di questo termine. Così acquistano tantissimi abiti, ed accessori, magari convinte di avere più possibilità di abbinamenti, e quindi “indovinare” l’abbinamento perfetto. E a molte di queste donne riesce anche di abbinare bene tutti questi abiti con gli accessori, risultando vestite in modo armonioso.
Ma manca quel quid, quella dote naturale che rende una donna elegante, unica, che faccia riconoscere il suo stile personale.
Nel suo incedere, come muove le mani, come piega la testa, come si siede.
E’ lei ad essere elegante ed armoniosa, tanto è vero che trasmette questa eleganza molto spesso senza essere vestita elegante per niente.

Prendo ad esempio la mia amica Adele.
Una donnina magra come uno scricciolo, con i capelli lisci e biondi, gli occhi verde muschio, e un sorriso che conquista.
E qualsiasi cosa indossi, un braccialetto, una camicia, un paio di jeans, sembra fatto apposta per lei. Lei li indossa, e quei capi rifulgono della sua eleganza. Nei tanti anni in cui ci siamo frequentate, ho guardato a lei, al suo stile, per imparare a definire il mio, di stile.
La mia è stata un’ammirazione segreta e muta, ma ogni volta che eravamo insieme, io guardavo e memorizzavo tutti i particolari dei suoi outfits. Il modo che ho adesso di vestirmi, di scegliere alcuni indumenti e colori, e rifiutarne altri, il fatto stesso che io mi sia messa a studiare e adesso lavori come Curatrice di stile, nascono proprio da questo mio imparare ed ispirarmi ad una donna con un grande stile, e una grande personalità.

Perché -e di questo ne sono convintissima-, una donna con uno stile personale ben definito ha sicuramente molta personalità, e anche se a volte non ne ha alcuna consapevolezza. Per questo dico che lo stile è un’attitudine innata.

Audrey Hepburn avrebbe avuto lo stesso successo senza il suo stile semplice ed elegante insieme, copiato e ammirato da donne di qualsiasi età e generazione?

 

 

Secondo te cos’è lo stile? E l’eleganza? Quali sono le donne da cui prendi esempio per definire il tuo stile? Parliamone nei commenti, ci tengo molto a sapere ciò che ne pensi.

Lascia un commento